Come per normativa europea per proseguire su questo sito dovete accettare i cookies

cliccando il bottone ambra "Accetto" In caso di non accettazione dichiariamo quanto segue :

Ma che ce frega ma che ce 'mporta de 'sti cookies che nun volemo e  ser visitatore  ar quadro d'accetto  c’ha messo none: e noi je dimo e noi je famo c'avete messo none  ma tu nun ce paghi ed è tutto argratis e quindi.... . Ma però noi der sito  semo quelli che v'arrisponnemmo 'n coro: e' mejo riflessioniromane de tutta  questa zozza società commerciale de internet. Per artre informazioni rivorgeteve ar sor Google.

As per EU rules you have to accept our cookies ( they are automatic and we do not use them )to surf this site clicking the amber button " I accept". As we could not care less about this cookies imposed by the system, in case you do not agree, please send us an email with the song you want to listen to whilst you fly away and disappear into the mist of no Roman knowledge. In case this statement is not clear , Dr. Google can explain you the whole matter. Fare thee well

DETTI ROMANESCHI MOLTO PESANTI

  • le 5 regole d'oro dell'impero romano erano: natale è a festa mia: se famo i regali, se famo l'auguri, se famo tutti!
    • "lavora sempre un po' meno della tua soglia minima de sopportazione, ricordate de abbassa' ciclicamente i livelli di detta soglia."
    • "nun te incazza' coi deboli, nun te incazza' coi forti, nun te incazza'  proprio. e ricorda, i deboli fanno finta, domani saranno forti, quinni  si  proprio devi,  menaje subito, nu li fa' cresce."
    • "non tutti i mali  vengono pe' nuoce, quindi tutte le vorte che hai fatto male a quarcuno, nun  te sembra, ma je hai fatto bene, percio' nun te sta' a preoccupa', che te  frega."
    • "aiutati che tanto nun te aiuta nessuno. ricorda infatti che  dio e' onnipresente, quinni, se voleva te aiutava prima."
    • "nun  scaja' mai la prima pietra si nun sei sicuro da piallo bene. sinno e' mejo  che te la conservi pe dopo."
  • peccato che cachi, sinno' saresti propo 'n ber soprammobbile. (sei completamente inutile!)
  • sei tarmente grassa che tu' madre 'nvece de iscrivete all'anagrafe e' dovuta anna' ar catasto. (sei cosi' grassa che tua madre invece di iscriverti all'anagrafe e' dovuta andare al catasto)
  • sei tarmente zozzo che ace gentile nun te fa gnente. te ce vo' ace 'ncazzato. (sei cosi' sozzo che ace gentile non ti fa niente. ti ci vuole ace incazzato)
  • sei tarmente bassa che nun te metti li tampax sinno' anciampichi su 'a cordicella. (sei cosi' bassa che non ti metti il tampax, seno' inciampi sulla cordicella)
  • sei tarmente basso che quanno t'allacci 'e scarpe devi arza' le braccia. (sei cosi' basso che quando ti allacci le scarpe devi alzare le braccia)
  • si te metti le carze a rete me pari 'n arosto. (sei cosi' grassa che se ti metti le calze a rete mi sembri un arrosto)
  • sei tarmente brutto che se t'avvicini ar computer parte l'antivirus!!
  • sei tarmente brutto che quanno sei nato hanno chiamato non  l'ostetrica, ma l'esorcista!
  • piu' brutto dell'aurelia contromano
  • sei tarmente brutta che si te pijano a 'n'agenzia de modelle te fanno fa' l'antifurto
  • sei piu' brutto te che natale senza regali
  • sei cosi' brutto che si entri ar vaticano er papa te scomunica
  • fai tarmente schifo, che quanno te specchi ner tevere, muoiono pure li pesci
  • la matina se fa er trucco co' 'r limone
  • sei tarmente brutto che tua madre quanno ha visto arriva 'a cicogna, l'ha presa a sassate
  • sei cosi' brutto che 'e zanzare te pizzicheno co' l'occhi chiusi
  • la natura fa brutti scherzi, ma a te t'ha proprio preso pe' 'r culo!
  • sei tarmente stupido che si vai ar cinema e leggi "vietato ai minori di 18" ritorni co' 17 amici. (affermazione romanesca nel caso il tizio/tizia sia particolarmente stupido)
  • esse stupidi e 'n diritto, ma certo che te te n'approfitti. (affermazione romanesca nel caso il tizio/tizia sia particolarmente stupido)
  • c'hai la capoccia tarmente vota che si te metti li tappi pe' l'orecchie te cascheno dentro. (affermazione romanesca nel caso il tizio/tizia sia particolarmente stupido)
  • c'hai du' cromosomi 'n testa che giocheno a dama. (affermazione romanesca nel caso il tizio/tizia sia particolarmente stupido)
  • sei simpatico come 'na lettera minatoria (affermazione romanesca nel caso il tizio/tizia sia particolarmente antipatico)
  • c'hai du' recchie tarmente grosse che se ce capivi de digitale vedevamo tele+ (affermazione romanesca nel caso il tizio/tizia abbia le orecchie davvero grosse)
  • c'hai du' recchie che vicino a te er cellulare fa er portiere e  pija a palla. (affermazione romanesca nel caso il tizio/tizia abbia le orecchie davvero grosse)
  • c'hai er fisico da sollevatore de polemiche.
  • e' robba che pe' sport tiri er riso a li matrimoni
  • c'hai 'n fisico da domatore de vongole
  • c'hai er fisico de 'n lanciatore de coriandoli
  • sei cosi' brutto che quanno sei nato tu' padre invece delle partecipazioni ha mannato un bijetto de scuse a tutti li parenti...
  • a roma. lui: "ao', c'hai un culo che parla!". lei. "e che te manna a mmori' ammazzato!"
  • sei tarmente brutta che bisogna guardatte cor decoder.
  • sei cosi' stronzo che si acciacchi 'na merda fai scopa. (non ti stimo affatto)
  • nun sei pelato, e' che c'hai la riga larga. (sei una persona con pochissimi capelli)
  • aho, pare 'no scojo. (dicesi di una tavolata composta da ragazze molto brutte: cozze attaccate allo scoglio)
  • c'hai 'na caccola pe' cervello. l'urtima volta che te sei soffiato er naso sei rimasto deficiente. (non brilli in intelligenza)
  • c'hai l'occhi che se stanno a tampona' (sbaglio o soffri di un leggero strabismo?)
  • te faccio clona' e poi meno a te e a quell'artro. (userò la tecnologia genetica per poterti picchiare due volte)
  • nun c'ho tarmente 'na lira che si moro me sotterano co' la capoccia de fori perche nun c'ho li sordi pe' la foto. (ho talmente pochi soldi che non mi posso permettere neanche una tomba dignitosa)
  • si te la tiri 'n artro po' la poi usa' come 'na fionna. (sei una ragazza che sta troppo sulle sue)
  • l'arivedi quanno er cazzo mette l'unghia. (non credo che te lo restituirò)
  • ma che c'hai nelle mutande, 'a pasta d'a pizza?  (sarebbe dunque giunta l'ora che smettessi di toccarti i genitali)
  • abbiti 'na liana dopo tarzan. (la tua dimora non è in tutto e per tutto pratica da raggiungere)
  • te sei magnato quarcosa de triste. (dalla tua flatulenza evinco che il tuo ultimo pasto non è stato propriamente leggero)
  • tte do' 'n carcio ar culo che se per aria nun te porti da magna' te mori de fame. (la potenza del mio piede e' direttamente proporzionale all'irritazione dovuta alla tua presenza)
  • ma che ne sai delle donne te c’hai visto più comete che fica
  • c'hai 'na sfiga tarmente granne che se te casca 'r cazzo te rimbarza 'n culo. (espressione romanesca equivalente a "non sei una persona estremamente fortunata")
  • te do 'na pizza che quanno te fermi da gira' i vestiti te so' passati de moda.
  • vattela a pija' 'nder culo de retromarcia (espressione romanesca equivalente a "ti prego cortesemente di liberare questo luogo dalla tua nefanda presenza")
  • stamme a 'n parmo dar culo (espressione romanesca equivalente a "il tuo comportamento irritante impone che ti mantenga ad opportuna distanza")
  • te pio pe' le recchie e te arzo come la coppa uefa (espressione romanesca rivolta ad una persona che non e più sopportabile)
  • stuccame er cornicione der cazzo (espressione romanesca da non usare come complimento)
  • in culo te c'entra, ma in testa no (dicesi di persona con serie difficoltà di comprensione)
  • te smonto e do foco alle istruzioni (espressione romanesca equivalente a "mi appresto ad una operazione irreversibile sulla tua persona")
  • je pesa er culo (espressione romanesca rivolta a persona particolarmente pigra)
  • e' simpatico come 'na mano ar culo (dicesi in romanesco di persona che ha difficoltà ad integrarsi in un gruppo)
  • t'ha svaporato er cervello (espressione romanesca indirizzata a persona che ha detto una grossa cretinata, idiozia)
  • sei tarmente basso che te puzzeno i piedi de ggel (espressione romanesca per indicare che la tua statura è inferiore alla media)
  • c'hai er naso cosi' lungo che nun te se chiude la carta d'identita' (o la patente)(hai un naso spropositatamente grande)
  • c'hai er naso cosi' lungo che se dici de no a tavola, sparecchi (hai un naso spropositatamente grande)
  • c'hai er naso cosi' lungo che se eri 'na pecora morivi de fame (hai un naso spropositatamente grande)
  • 19   c’hai er naso cosi’ lungo che si stavi su e cento lire le dovevano fa’ cor manico (hai un naso spropositatamente grande)
  • c'hai 'na nasca che da piccolo tu madre doveva pija' la macchina pe venitte a 'mbocca' (sono affascinato dalle abnormi dimensioni del tuo naso)
  • solo 'n giorno e gia' è passata a li microfoni (detto manesco: dicesi di ragazza ben disposta nello svolgere particolari pratiche orali)
  • te fiocino er culo: frase utilizzata sovente all'inizio di un amplesso.
  • c'ho 'l cratere che me sbroda: espressione prettamente femminile per esprimere l'intenzione di avere un rapporto sessuale con un ragazzo
  • è mejo corto che tappa che lungo che sciaqua (detto romanesco: frase da rivolgere con sufficienza a coloro i quali si vantano di improbabili misure del proprio "membro")

te rettifico la vena cacatoria: ti provocherò lesioni anali permanenti

  • c'hai 'n culo tarmente basso che te puzza de piedi: se un giorno diventerai famosa, non sarà certo per le doti del tuo fondoschiena
  • e' uscito fori mejo pinocchio co' 'na sega che te co' 'na scopata! (geppetto si è impegnato più di mamma tua)
  • sciaqua 'a sella che stasera se cavarca: cerca di avere un igiene intima accurata perché ti attende un rapporto sessuale molto intenso e logorante per lo piu rivolto ad una ragazza)

te curo co' 'na supposta de carne: se non la smetti infilerò il mio membro nel tuo pertugio anale

  • ce vedi? si'! allora vedi d'annà affanculo! ce vedi? no! allora vedi d'annà affanculo a tastoni!!!
  • coatto romano: "che la volete sentì na fregnaccia? frugate nelle mutande de vostra nonna!!!"
  • c'hai 'na nasca che ce poi fa er sarto coll'asta
  • c'hai 'na nasca che sembra 'n passaggio a livello
  • c'hai 'na nasca che si' te sdrai ce piji teletokio
  • c'hai 'na nasca che sur tram ce se tiene la gente
  • c'hai 'na nasca che se nuoti a dorso pari 'no squalo
  • ammazzete che nasca; che dio te l'accresca, cosi' ci'annamo a pesca
  • c'hai l'ascella piccante (o commossa) (hai un alto tasso di sudorazione ascellare)
  • c'ho 'no stronzo 'n forigioco: devo necessariamente espletare i miei bisogni fisiologici
  • c'ho 'no stronzo che sta' a pacca'/pomicia' cor culo/+e mutande: vedi sopra
  • c'ho 'no stronzo che me parla in 7 lingue: vedi sopra
  • a ogni scoreggia che sparo c'ho 'o stronzo che me fa capoccella: vedi sopra
  • ando' sta' er cesso che devo da libera' er prigioniero negro? (potresti cortesemente indicarmi la toilette che ho un bisognino da espletare?)
  • sto a fa' 'n braccio de scimmia: produrre un escremento che, per lunghezza, colore e diametro, ricorda l'arto di un primate
  • c'ho 'na svampa 'n canna che hiroshima 'n confronto è 'na miccetta: il boato conseguente alla mia flautolenza potrebbe avere conseguenze disastrose
  • fai tarmente schifo che quanno te fai la doccia le verruche se mettono le ciavatte: dicesi di persona poco incline alla pulizia del proprio corpo
  • me pari er cane de mustafa' che o pija ar culo e dice che sta a scopa': sei un individuo non molto fortunato e che non dice sempre il vero
  • famo come l'antichi, che magnavano le cocce e cacavano li fichi (in risposta al quesito sul da farsi, chiamiamo in causa l'antica saggezza dell'urbe)
  • mi' nonno diceva: meglio er culo gelato che 'n gelato ar culo (non fidarti mai di chi non conosci bene)
  • se te vede la morte, se gratta: hai l'ingrata fama di iettatore
  • te devi fa un clistere de ceramica, cosi' diventi un bel cesso de lusso (citazione da thomas  milian in "delitto al ristorante cinese): temo che tu non mi sia molto simpatico, ne' ti reputo granché bello
  • chi s'estranea da'a lotta è 'n gran fjo de' 'na mignotta (colui che non prende parte di buon grado alle scorribande collettive, può andare tranquillamente a darsi fuoco)
  • se 'nvece der vitello te danno er mulo, tu magna, statte zitto e vaffanculo. (proverbio popolare indicante l'unico modo possibile per reagire alle truffe (dal film "fracchia la belva umana")
  • fiodena (fio de 'na mignotta): espressione dispregiativa "munita di dignità letteraria" (p. pasolini)
  • giamaica (già m'hai cacato il cazzo): mi hai annoiato fino all'insopportabile
  • mastica (ma 'sti cazzi): la cosa non mi sfiora minimamente
  • e si' mi' nonno c'aveva cinque palle era 'n flipper (commento sarcastico romanesco relativo ad una situazione difficile a verificarsi)
  • me piacerebbe sta' 5 minuti dentro 'a testa tua pe' riposamme 'n po': mi ritengo particolarmente stanco
  • un romano ad un altro: "ao, te piace er pesce sur-gelato ?". e l'altro: "a me sur gelato ma piace a panna, a cilieggina, ma er pesce no!!!"

  • roma. lei  passeggia spensierata con il gelato in mano, quando un ragazzo la ferma e le dice: "che me fai da' 'na leccata?". lei: "no!". lui: "e ar gelato?".

  • quanno e' giornata da pijallo 'n culo er vento t'arza la camicia. (quando è giornata di prenderlo nel didietro il vento t'alza la camicia)  (detto romano)(marco navigli)
  • romani. sulla corriera eur-nettuno. all'autista, una ragazzina che vuole scendere dalla porta posteriore: "a capooo! che m'apri de dietro?". l'autista: "come no! e se vieni qua, t'apro pure davanti!".
  • ragazzo: "aho, c'hai er culo ch'e com'er sono de 'n mandolino!". ragazza: "si ma pe' te nun sona!". ragazzo: "e ce lo sapevo ch'era rotto!".
  • te devi fa un clistere de ceramica, cosi' diventi un bel cesso de' lusso. (tomas milian in "delitto al ristorante cinese")
  • mandrake: "a poma', c'hai 'na faccia...!" pomata: "sì, se ce n'avevo due già stavo all'università... sotto spirito!". (da "febbre da cavallo")
  • ah mafa', c'ho certi cazzi che manco te che sei esperta li hai visti mai... (gigi proietti "mandrake" in "febbre da cavallo") 
  • la filosofia del coatto (10 regole per vivere bene)
  • dormi più che poi (chi dorme nun pia pesce ma quanno se sveglia pia quello che hanno pescato l'artri.)
  • fermati spesso (chi si ferma è perduto e, a esempio è più difficile ritrovallo - si quarcuno per caso o dovesse cercà)
  • cambia spesso abitudini, sennò te cambiano loro - gioca d'anticipo (chi lascia la strada vecchia pe la nova, si è nova, a esempio nun ce sò e buche)
  • onora, rispetta madre, padre e, parenti, se e solo se ch'hai un credito cò loro.
  • lavora sempre un po' meno della tua soglia minima de sopportazione; o ricordate de abbassà ciclicamente i livelli di detta soglia.
  • nun te incazzà coi deboli, nun te incazzà coi forti, nun te incazza' proprio. se proprio te devi incazzà fallo un giorno prima de le ferie, e ricorda, i deboli fanno finta, domani saranno forti, quindi menaje subito, nu li fà cresce.
  • l'erba der vicino è sempre sua, fumatela subito sennò quer fesso der vicino a taia o ce mette le statue dei sette nani.
  • non tutti i mali vengono per nuocere, quindi tutte e vorte che hai fatto male a quarcuno, nun te sembra, ma gliai fatto bene, perciò nun te stà a preoccupà, che te frega.
  • aiutati che tanto nun te aiuta nessuno, ricorda infatti che dio è onnipresente, quinni se voleva te aiutava prima.
  • nun scaià mai la prima pietra si nun sei sicuro da piallo bene. se no è meio che te la conservi pe dopo.
  • un mio amico romano dicendomi di aver fatto l'amore con due vecchi preservativi che aveva nello zaino mi disse: "e pure questi... se li semo levati dar cazzo!"
  • a roma. ragazzetto: "a nonno,  c'hai l'anni der cucco!". vecchietto: "a pise', a ricordete che mojono piu'  abbacchi che pecore vecchie".
  • a roma. lui: "ammazzete quanto  sei brutta!". lei (indispettita): "no! e comunque so bella dentro!". lui  (di rimando): "e allora scuojete e famme vede!".
  • a roma per la strada un tizio con l'auto cambia marcia grattando rumorosamente e una ragazza, dal marciapiede, gli urla: "oh, che hai cambiato?". e lui: "no, sto sempre co' quella troia de tu' sorella!".
  • in un'osteria di roma. un cliente rivolgendosi all'oste: "aho, portame da beve che sto lucido come 'n  mocassino!".
  • io guidavo. una  bodrillona attraversa la strada. il mio amico accanto a me: "aho, mettila sotto, che si je giramo 'ntorno nun ce basta 'a benza!".
  • a roma un ragazzo: "ammazza che culo!". e la ragazza sorridente, voltandosi: "te piace?! vie a  casa co' me che mi' padre te 'o fa tale e quale!".
  • romani ad ostia. ragazzo: "sara, viette a fa' 'r bagno". ragazza: "no, è che c'ho la patata co' 'r ketchup".
  • un romano arriva all'aeroporto di milano e si reca dal tabaccaio. "che, m'allunghi un pacco de svapore". "cosa?". "m'allunghi un pacco de ciospe". "che?". "aoo, quelle robbe che se fumano, le zanne, come l'antitolate voi?". "qui a milano di chiamo sigarette" risponde il tabaccaio, porgendo gentilmente il pacchetto di sigarette. il romano estrae una sigaretta dal pacchetto e rivolgendosi al tabaccaio "che, c'hai na' pietra focaia?". "cosa vuole?". "vienime cor foco, famme impizzà". "qua si chiama accendino". "scusame, milanese precisino de sto cazzo, come chiamate voi ai rompicojoni?". "non li chiamiamo, arrivano da soli da fiumicino"
  • realmente accaduto a roma a bordo della metro a. una signora espone il biglietto integrato giornaliero al controllore chiedendo: "mi scusi, con questo posso viaggiare tutto il giorno?". controllore: "si nun ch'hai 'n cazzo da fà....si".
  • "capo, famme 'n panino co la mortazza". "te spacco er culetto?( sottointeso del pane )". "no, no, damme du' etti de pizza bianca"
  • in mezzo ar traffico c'è 'r tipico romano 'ncazzato che dà una serie de clacsonate inutili perché nun c'è pòpo spazio pe' fermasse. dopo la quarta e quinta clacsonata, quello co' 'r motorino davanti a lui (che ormai era rincojonito dal frastuono) je dice: "a capo, er clacson funziona, mo' prova 'mpò li fari!?"
  • sentita a porta maggiore, roma. al semaforo una macchina in prima fila non parte nonostante sia diventato verde da un po', e uno da dietro: "a moro, c'avemo solo quei tre colori: è 'scito 'r verde, che volemo fa'?"
  • sentita sulla boccea. un tizio di mezza età a bordo di una 156 rivolgendosi al vecchietto a bordo di una vecchia 600 ferma al semaforo: "che aspettamo, che se mette 'n moto l'asfarto pe' annassene da 'sto 'ncrocio!?"
  • realmente accaduto in via nomentana. un signore alquanto anziano resta immobile con la sua macchina allo scattare del verde e il ragazzo di dietro con una macchinetta alquanto sportiva abbassa il finestrino, si sporge e esclama: - a nonno, guarda che più verde de così nun diventa!
  • ad un semaforo a roma: "a nonno! se pò sapè quale tonalità de verde stai a aspettà pe spostà sto scallapizzette daa strada!"
  • insulto in una strada trafficata di roma: ma sona sulla panza de tu madre gravida con l'ossa de li meglio mortacci tua! (pesante insulto finalizzato al coinvolgimento del maggior numero possibile di parenti vivi, morti e nascituri)
  • sei così brutto che nun te sorridono manco li sofficini: voglio esprimerti tutta la mia umana vicinanza perché immagino sia frustrante essere stato l'unico bimbo a cui i "sofficini" non hanno sorriso. è un riferimento a un celebre spot pubblicitario.
  • n giorno le ragazze scrissero sui muri "ve 'a faremo pagà!". e l'omini j'ariscrivettero "e quanno mai ce l'avete data aggratise?": caratteristica espressione metropolitana per esprimere tutta la solidarietà maschile verso il gentil sesso
  • vattela a pijà 'n der culo te e tutto l'arbero genealogico tuo, da 'a radice alla chioma: ti esorto ad andare per la tua strada con la compagnia di tutta la tua stirpe
  • hai visto più comete che fregne: le ragazze, da sempre, proprio non ti considerano
  • sei così cornuto che si te vede 'n cervo va 'n depressione: il destino ha voluto che le tue donne ti fossero costantemente e ostinatamente infedeli
  • te do 'na pizza ch'er telefonino tuo da family diventa orfany: mi sto accingendo a picchiarti in maniera alquanto violenta
  • quella è la tu' rigazza, o te c'hanno vommitato accanto?: complimenti: a tua ragazza, ammesso che sia una ragazza, non passa certo inosservata
  • che dio ce la manni bòna e possibbirmente senza mutanne: tipico augurio di buona fortuna. spesso utilizzato in casi di estrema necessità
  • tra tanti spermatozoi tu' madre ha scerto pòpo er più cojone: violenta espressione offensiva che denota la stupidità genetica della persona con cui si sta parlando
  • sei così brutto che si lanci 'n boomerang quello ce pensa du' vòrte prima de tornà 'ndietro: la tua bruttezza non lascia insensibili nemmeno gli oggetti inanimati che si guardano bene dallo stare a stretto contatto con te
  • ma ar posto der dna che c'hai 'a catenella der cesso arotolata: la tua natura più interiore ha radici genetiche riconducibili a qualcosa di poco nobile
  • je sto a scureggià a banda larga: analogia con il mondo delle telecomunicazioni: lo stato di indisposizione che genera flautolenze è tale da paragonarlo alle connessioni a internet superveloci
  • è la tu' rigazza o stai a fa' volontariato?: ti confesso di non condividere pienamente le tue scelte in materia sentimentale
  • fatte 'a mappa de li denti, che mo' te li mischio: ti sto per picchiare al volto
  • me so' buttato sur letto come inzaghi in area de rigore: essendo veramente stanco mi sono letteralmente buttato sul letto. molto efficace il riferimento con il mondo calcistico
  • sei tarmente piatta che de reggiseno nun c'hai 'a prima, ma 'a retromarcia: la taglia del tuo reggiseno non può essere misurata con le unità di misura convenzionali a causa della totale assenza di seno
  • te faccio passà 'n mezzo a 'n incrocio de schiaffi che nun sai manco a chi devi da' 'a precedenza: ti percuoterò pesantemente
  • sei così brutto che tu' madre, quann'eri regazzino, te metteva ner passeggino e se vergognava tarmente tanto che te mannava 'n giro co''r telecomando: la tua bruttezza è tale da spingere i tuoi genitori a non riconoscersi come tali
  • arivi come 'n rutto dopo 'na sprait!: ti stavamo proprio aspettando. si noti che il breve lasso di tempo che intercorre tra il bere la famosa bibita "sprite" e l'emissione del fatidico "rutto" viene equiparato alla sbrigatività di colui che sopraggiunge
  • sei tarmente grassa che sur cellulare 'nvece de "tim" t'hanno scritto "tir": non sei affatto simile ad una top-model. ti consiglio pertanto di fare una bella dieta
  • sei tarmente brutto che l'ostetrica quanno sei nato 'nvece de da' 'no schiaffo a te, l'ha dato a tu' madre: dicesi di persona non propriamente di aspetto gradevole.
  • sei così stupido ch'er còre tuo se sta a domannà se vale 'a pena de pompà tutto quel sangue ar cervello: è inutile che ti sforzi in quanto la tua insufficienza intellettiva non può essere colmata in nessun modo
  • quanno è giornata da pijallo 'n culo er vento t'arza sempre 'a camicia: se la giornata nasce sotto una cattiva stella è inutile ribellarsi al destino che l'avrà sicuramente vinta
  • ahò, ma che te sei magnato le unghie? c'hai l'alito che graffia!: dovresti porre maggior attenzione nell'igiene orale
  • c'hai le tette che te fanno "bangi-giamping": hai il seno totalmente calato; in gergo metropolitano è anche detto "a recchie de cocker" per la sua similarità con le orecchie della nota razza canina
  • spero che domani matina te sveja san pietro: spero che tu muoia al più presto
  • a pinocchio, girate da 'n'artra parte che me stai a cecà: stai mentendo spudoratamente
  • sei tarmente brutto che quanno tu' padre t'ha portato allo zoo j'hanno dato du' elefanti de resto: la tua bruttezza è notevole e non riesco a guardarti nemmeno per un attimo.
  • ma che c'hai 'n gratta&vinci nelle mutanne?: elegante perifrasi da rivolgere a persona eccessivamente dedita allo smucinìo delle proprie zone erogene.
  • ma ar posto der dna che c'hai 'a catenella der cesso arotolata? (la tua natura più interiore ha radici genetiche riconducibili a qualcosa di poco nobile)
  • je sto a scureggia' a banda larga. (analogia con il mondo delle telecomunicazioni: lo stato di indisposizione che genera flautolenze è tale da paragonarlo alle connessioni a internet superveloci)
  • na vòrta me stavo a fa' 'n giro pe' strada e su 'na vetrina ce stava 'n libro 'n cui ce stava scritto: "come vincere la droga". allora me so' 'mbucato dentro alla libreria e j'ho chiesto: "quanta se ne po' vince?".
  • anvedi che cielo, me pare quello de windov 95! (contemplazione romantica di una coppia, in genere sdraiata a pancia in su in un bel prato)
  • sei tarmente chiappona che se patric de gajardo se metteva 'e tu' mutanne ar posto der paracadute, mo' era ancora vivo (c'hai i fianchi larghi)
  • quale cazzo de tinta de verde stai a 'spetta pe' pote toje 'sto cazzo de scallapizzete da 'a strada? (ti faccio notare che il semaforo e verde)
  • ma che t'asciughi li capelli co' 'a carta de 'a pizza? (i tuoi capelli sono unti in modo impressionante)
  • c'hai er fisico da scartatore de caramelle (cioccolatini) (non brilli per prestanza fisica)
  • c'hai l'ascelle protette da lega ambiente (e giusto che l'ecosistema floro-faunistico sotto le tue braccia venga tutelato da associazioni ambientaliste)
  • quanno ride pare 'n cruciverba (sono piu i denti che gli mancano che quelli sani)
  • a matina te pettini co' lo sguardo  (dicesi a individuo afflitto da vistosa calvizie. usato anche verso persone molto restie a pettinarsi)
  • se li stronzi volavano atterravi a fiumicino (sei davvero una persona ingrata)
  • sei tarmente brutto che tu' padre ar firmino de quando facevi un anno c'ha messo come colonna sonora x-files (sei talmente brutto che ancora non hanno capito se sei un uomo o un alieno)
  • sei tarmente brutto che si te specchi e le pulci te vedono, se buttano de sotto p'ammazzasse (la tua bruttezza e enorme)
  • fai tarmente schifo che quanno t'hanno partorito nun eri tu che piagnevi, ma tu' madre (la tua bruttezza e immensa)
  • sei peggio de 'n rigore ar novantasettesimo (non sei un gran che bella)
  • si te uniscono li punti neri 'n faccia esce fori er disegnino de 'a settimana enigmistica (hai molti punti neri)
  • te gonfio cosi tanto che si te pija quello der gruppo hevia co' te ce sona pe artri tre cd (ti provochero un tale dolore fisico che al termine della mia operazione potrai essere paragonato ad una zampogna, lo strumento prediletto dal musicista del gruppo hevia)
  • aho, 'ste zucchine vonno sape se 'r fruttarolo ha pagato er riscatto! (mi hai detto di cucinare con quello che trovavo nel frigo ma l'aspetto e l'odore degli ortaggi mi lasciano intendere che tu li abbia conservati oltre il tempo utile)
  • ma che, er semaforo ce l'hanno dipinto? (accidenti, questo semaforo non scatta mai!)
  • sei tarmente basso che c'hai le superga zozze de gel (non sei certo una persona conosciuta per la sua altezza)
  • ma che c'hai dentro a la capoccia, 'a cassetta de l'elemosina? (il tuo quoziente intellettivo non e tra i piu alti)
  • co' tutta quella forfora addosso a natale te fai er presepe su 'a spalla (sei talmente pieno di forfora che ti cade sulle spalle)
  • sei tarmente pallido che l'omino bianco ha preso coraggio e ha aperto 'n solarium (vista la tua carnagione alquanto chiara ti esorterei ad una seduta di doccia solare)
  • c'hai li denti scorrevoli (hai pochi denti)
  • aho, hai preso piu cazzi te che 'n pappagallo d'ospedale! (sei una donna di facili costumi)
  • c'hai l'occhi che se stanno a tamponà: sbaglio o soffri di un leggero strabismo?
  • so' annato a risorve (espressione in romanesco per "ho espletato le mie funzioni fisiologiche liquide)
  • nun c'ho tarmente 'na lira che si mòro me sotterano co' la capoccia de fòri perché nun c'ho li sordi pe' la foto: ho talmente pochi soldi che non mi posso permettere neanche una tomba dignitosa
  • si te la tiri 'n artro po' la pòi usà come 'na fionna: sei una ragazza che sta troppo sulle sue
  • peccato che cachi, sinnò saresti pòpo 'n ber soprammobbile: sei completamente inutile
  • sei tarmente brutto che quanno sei nato t'hanno messo dentro 'n'incubatrice coi vetri oscurati!
  • strappa filetti (insulto romanesco per donna di dubbio mestiere)
  • sta a cazzo dritto che piove fregna (espressione romanesca equivalente a "devi svegliarti")
  • te metto un bastone ar culo e te sventolo come una bandiera (espressione romanesca che equivale a "te meno")
  • varda tu che buiolo ! (guarda che bella ragazza)
  • te do na pizza che te faccio arresta pe vagabondaggio (te meno)
  • sei tarmente brutto che se te vede il sole tramonta alle 2 (p.m) (persona alquanto brutta)
  • c'hai er culo cosi' basso che caghi bicchieri sani (data la distanza dal suolo del tuo culo oggetti fragili come bicchieri non si rompono certo!)
  • sei così brutto che nun te soride manco n'sofficino findus (sei molto brutto)
  • te do n'carcio n'panza che t'apro come no startak (se ti prendo ti faccio del male)
  • a fata..........a fatta male....... ( piu' o meno "non sei brutta")
  • sei un angelo caduto dal cielo... ma sei propio cascata de faccia. (sei un angelo ma sei abbastanza brutta
  • a bionda beato che te monta... e se te monto io beato er cazzo mio... (espressione romanesca che significa piu' o meno: "scopo mejo de rocco siffredi!!!)
  • si te dò na cricca, devi chiede un mutuo pe la fisioterapia... (espressione romanesca che equivale a "ccon una percossa ti disarticolo tutto che i tuoi fondi bancari non basteranno per pagare la rieducazione motoria")
  • sei talmente brutta che se te devede la morte se gratta le palle!!!!!! (ragazza non molto bella)
  • anvedi che cielo, me pare quello de windov 95!: contemplazione romantica di una coppia, in genere sdraiata a pancia all'aria su un bel prato.
  • sei tarmente brutto che tu' padre ar firmino de quando facevi un anno c'ha messo come colonna sonora x-files: sei talmente brutto che ancora non hanno capito se sei un uomo o un alieno
  • se li stronzi volavano atterravi a fiumicino (sei davvero una persona ingrata)
  • a matina te pettini co' lo sguardo: dicesi a individuo afflitto da vistosa calvizie. usato anche verso persone molto restie a pettinarsi
  • quanno ride pare 'n cruciverba: sono piu i denti che gli mancano che quelli sani
  • c'hai l'ascelle protette da lega ambiente: e giusto che l'ecosistema floro-faunistico sotto le tue braccia venga tutelato da associazioni ambientaliste
  • c'hai er fisico da scartatore de caramelle (cioccolatini): non brilli per prestanza fisica
  • ma che t'asciughi li capelli co' 'a carta de 'a pizza?: i tuoi capelli sono unti in modo impressionante
  • sei tarmente chiappona che se patric de gajardo se metteva 'e tu' mutanne ar posto der paracadute, mo' era ancora vivo: c'hai i fianchi larghi
  • sei cosi' brutto che tu' madre, quann'eri regazzino, te metteva ner passeggino e se vergognava tramente tanto che te mannava 'n giro co'r telecomando.
  • te pijo pelle recchie e te scarto come 'na golia (il tuo atteggiamento mi ha irritato, per cui credo opererò un movimento rototraslatorio sulle tue estremità auricolari)
  • te parcheggio 'na mano in faccia: vedi sopra
  • te rivorto come 'n carzino/'na carza/te apro come 'na cozza: rivedi sopra
  • te apro come 'na sdraio/te chiudo come 'na graziella: rivedi sopra
  • me t'apro come 'n divano letto/'na cozza/'na tellina: rivedi sopra
  • te sporvero/te sparecchio la faccia: ti prendo a ceffoni sul viso
  • te apro come 'n fiasco de vino/'na damigiana: rivedi sopra
  • te gonfio come 'na zampogna/te succhio come 'n gamberetto: rivedi sopra
  • te do 'na pizza che t'arestano pè vagabondaggio
  • te 'nfilo 'na mano 'n culo, te sfilo la spina dorzale e te ce frusto: rivedi sopra
  • te stacco le bbraccia e te ce meno: rivedi sopra
  • te faccio 'n buco 'n testa e me te bevo come 'n'ovetto fresco: rivedi sopra
  • te metto 'n dito 'n bocca, uno ar culo e te sciaqquo come 'na dammiggiana: vedi sopra
  • te pijo pè li buchi der naso e t'aribbarto come li porpi: mi hai fatto perdere la pazienza a tal punto da spingermi a sottoporti allo stesso trattamento che subiscono i polipi (gli si rovescia la testa per ucciderli)
  • te giro come 'na trottola che quanno te fermi i vestiti so' passati de moda: tramite un'abrasione maxillofacciale ti procuro un movimento rotatorio durevole nel tempo
  • te faccio dù occhi neri che se te metti a mastica' er bambù te protegge er wwf: ti sto per fare due vistosi ematomi sugli occhi
  • me te metto 'n tasca e te meno quanno cio' tempo: indica disprezzo per la consistenza fisica dell'avversario
  • t'atteggi, t'atteggi ma sur cazzo mio nun ce scureggi: "non darti troppe arie che con me non attacca"
  • fatte la mappa de li' denti, che mo' te mischio: ti prendo a ceffoni
  • si' te pijo te sdrumo: se hai a cuore la tua salute, evita di passarmi accanto
  • te do 'n carcio ar culo che te ce lascio dentro 'a scarpa: il mio piede sta per raggiungere violentemente le tue natiche.
  • te do li schiaffi a due a due finchè nun diventeno dispari: ti faccio male all'infinito
  • te do 'no schiaffo che 'r muro te ne da' 'n'altro: percuoterò il tuo viso con una tale forza che riceverai una spinta uguale e contraria dal muro accanto a te
  • te stacco li diti e ce gioco a shangaye: mi hai fatto arrabbiare
  • c'hai più complessi der concerto der primo maggio: dicesi di persona che si fa molti problemi inutili
  • te ficco dù diti ner culo, te apro come 'na bolletta der gas e me te leggo l'intestino: tramite la sodomia, voglio risvegliare l'aruspice (indovino che legge il futuro nei visceri degli animali sacrificati) che è in me
  • te metto 'na mano ar culo e te porto a spasso come 'n cremino: voglio dimostrare a tutti la mia superiorità nei tuoi confronti
  • sona 'n mezzo alle cosce de tù moje che ce sta più traffico: smettila di suonare il clacson della tua automobile
  • m'hai scucito la fodera der cazzo: mi hai palesemente seccato
  • solo 'n giorno e gia' è passata a li microfoni: dicesi di ragazza ben disposta nello svolgere particolari pratiche orali
  • c'ho 'l cratere che me sbroda: espressione prettamente femminile per esprimere l'intenzione di avere un rapporto sessuale con un ragazzo
  • c'ho 'no stronzo 'n forigioco: devo necessariamente espletare i miei bisogni fisiologici
  • c'ho 'no stronzo che sta' a pacca'/pomicia' cor culo/+e mutande: vedi sopra
  • c'ho 'no stronzo che me parla in 7 lingue: vedi sopra
  • a ogni scoreggia che sparo c'ho 'o stronzo che me fa capoccella: vedi sopra
  • sto a fa' 'n braccio de scimmia: produrre un escremento che, per lunghezza, colore e diametro, ricorda l'arto di un primate
  • se te vede la morte, se gratta (hai l'ingrata fama di iettatore)
  • me piacerebbe sta' 5 minuti dentro 'a testa tua pe' riposamme 'n po'.
  • te pio pe' le recchie e te arzo come la coppa uefa: riferito a persona che non e più sopportabile
  • te devi fa un clistere de ceramica, cosi' diventi un bel cesso de lusso (tomas milian in "delitto al ristorante cinese")
  • li tredici comannamenti de li romanisei così stupido che se vai ar cinema e leggi "vietato ai minori di 18", ritorni co' 17 amici.
    • voia de lavora' sartam'addosso
    • er lavoro e' fatica
    • se nasce stanchi e se vive pe riposa'
    • ama er letto come te stesso
    • riposa er giorno pe dormi' a notte
    • si vedi chi riposa, aiutelo
    • nun fa' oggi quello che poi fa' domani
    • nella vita cerca de fa poco e quer poco fallo fa' all'artri
    • quanno te vie' voia de lavora', mettete a sede'
    • e aspetta che te passa
    • de troppo riposo nun e' mai morto nessuno
    • quello c'ha nventato a fatica e' morto d'ampezzo
    • si er lavoro e' salute, viva a malattia
    • pe' evita' de affaticasse troppo se consia de
    • legge la presente lentamente o mejo de fassela legge.
  • a chicco, famme compra' 'na vocale sennò chi te capisce!?
  • ma che c'hai sotto l'ascelle, er mondo de quark?
  • so' 25 anni che sei brutto! nun te sei rotto li cojoni?
  • in mezzo al traffico c'e' il tipico romano arrabbiato che da' una serie di colpi di clacson inutili perche' non c'e' proprio spazio per fermarsi. dopo il quarto-quinto colpo di clacson, un tizio su uno scooter davanti a lui (che ormai era assordato dal frastuono) dice: "aho', sona in mezzo alle cosce de tu' sorella, che c'ha piu' traffico!!!!"
  • le corna so adesso un vanto: / tutti ce l' hanno / vor dì che tu moje è no schianto, / se nun ce le hai, è t'è concesso, / vor dì che tua moje è un cesso.
  • roma...piazza di spagna...due amici stanno chiaccherando del più e del meno....ad un certo punto passa accanto a loro una donna con un seno molto prosperoso ed a uno degli amici scappa di dire: "ma che e' tutta roba tua?" la donna sentendolo si volta verso di lui e con gentilezza risponde: "perche' tu per caso hai i coglioni in societa'????"
  • coppia di coatti in spiaggia è in vacanza a porto cervo. lui: "amo', ma 'naa vedi che acqua! a ostia manco da li rubinetti esce così!"
  • scena vista in una pizzeria di roma. commesso (dopo aver tagliato la pizza): "la magni?". cliente: "no, esco fòri e 'a butto!".
  • al semaforo di viale aventino. il primo della fila non si decide a partire e quello dietro gli urla: "'ahò, quann'esci dar coma facce 'na telefonata!"
  • due amici al mare, uno di ostia e l'altro di fiumicino, muoiono di caldo e decidono assieme di andare a fare il bagno. al momento di entrare in acqua il ragazzo di fiumicino nota che quello di ostia non sa nuotare e gli urla sbeffeggiante: "ahooò, sei pòpo 'n'idiota. sei de ostia e nun sai nòtà?". e il ragazzo di ostia prontamente gli risponde: "perché, te che sei de fiumicino sai volà!?"
  • sei tarmente chiappona che rambo se poteva mette  'e tu' mutanne ar posto der paracadute,. (hai i fianchi larghi)
  • sei tarmente brutto che se te vede dario argento ce fa 'na trilogia. (turbozaura)
  • roma, doposcuola per ragazzini. l'educatore: "bambini, oggi vi insegno a fare un animaletto con la carta!". un bambino: "l'origami?!". e lui: "no, non 'o rigamo, 'o piegamo!"
Joomla templates by a4joomla