Come per normativa europea per proseguire su questo sito dovete accettare i cookies

cliccando il bottone ambra "Accetto" In caso di non accettazione dichiariamo quanto segue :

Ma che ce frega ma che ce 'mporta de 'sti cookies che nun volemo e  ser visitatore  ar quadro d'accetto  c’ha messo none: e noi je dimo e noi je famo c'avete messo none  ma tu nun ce paghi ed è tutto argratis e quindi.... . Ma però noi der sito  semo quelli che v'arrisponnemmo 'n coro: e' mejo riflessioniromane de tutta  questa zozza società commerciale de internet. Per artre informazioni rivorgeteve ar sor Google.

As per EU rules you have to accept our cookies ( they are automatic and we do not use them )to surf this site clicking the amber button " I accept". As we could not care less about this cookies imposed by the system, in case you do not agree, please send us an email with the song you want to listen to whilst you fly away and disappear into the mist of no Roman knowledge. In case this statement is not clear , Dr. Google can explain you the whole matter. Fare thee well

E' un articolo emotivo di un'esperienza personale che potrebbe interessarvi, non si può parlarne al plurale, esige la prima persona singolare che l'ha vissuto. Per me è stata un'esperienza sconvolgente, in senso positivo, perché ho scoperto un qualcosa della quale ignoravo totalmente l'esistenza.

Me ne stavo in una classica bettola di Pechino, fuori da qualsiasi percorso straniero, in un vicolo parallelo  a Xin Yuan Nan Li , nel quartiere delle ambasciate. La persona che ci ha portato li, è un  frascatano che sembrava più cinese che italiano  e come sono solito fare quando mi piace il cibo che sto degustando, sto fuori dalle conservazioni del gruppo, quasi interamente cinese.Eravamo  solo in tre non cinesi: due romani ed un frascatano. Mentre rimestolavo in una brodaglia spessa e misteriosa ( ma del resto due giorni prima mi ero mangiato degli scorpioni fritti ) vedere per credere 

  Cliccare sulla foto per vedere lo scorpione ed esc per tornare indietro all'articolo.

con un sapore ottimo, come non l'avevo mai sentito a Roma,riflettendo sulle stranezze della vita: uno si aspetta che un frascatano ti porti in fraschetta ( cliccare su fraschetta in bianco per vedere ),  non in una bettola di Pechino, il cino-frascatano  allude vagamente che era tornato dalla visita  ad una caserma fascista di Tientsin, accanto a piazza Marco Polo.

Fermo il rimestolamento , come un cane che ha sentito il miagolio cdi un gatto, in quanto questa volta il rimestolamento avviene nel mio cervello e lentamente parola per parola ripeto la sua frase, chiedendo se  era esatta o reggesse male il baijiu ( un'acquavite cinese ). Mi sorride e mi dice che esiste veramente una piazzetta cinese ed una caserma cinese nella città di Tientsin, a circa 140 chilometri da Pechino. Cado dalle nuvole e scatta in me una curiosità irrefrenabile e vorace ed organizzo il tutto. La mattina dopo con l'autista cinese parto per questa città. Quando siamo a tre chiilometri, chiedo al mio autista in inglese perché tanta nebbia a Tientsin in estate. mi risponde che non è nebbia, ma è nebbia. Lo guardo chiedendomi se mi prenda in giro e poi capisco che la seconda parola è smog! Guardare la foto per credermi

Arriviamo al centro di Tientsin e cortesemente lui chiedea delle persone  della piazza Marco Polo. Tradotto in romano, la risposta univoca è: Marco che??  beep beep beep.

Capisco che non sa dove sia. Prendo in redini romane la situazione ed il mistero cinese. Faccio fermare la macchina vicino ad un taxi cinese, con una tassista che mi sembra sveglia e pronta a collaborare

Lei risponde, Malco Polo??.  Celto!! Io andale subito la se tu spiegale dove beep beep sta!

Affello il cellulale ( scusate, dimenticavo che sono romano), afferro  il cellulare, chiamo il tizio italiano a Pechino e lo passo alla tassista cinese. Lei piano piano inizia a sorridere e capisco che ha capito. Lei parte e dopo 20 minuti di zig zag nella città, finalmente arrivo, dove parafrasando Leopardi, Silenzi, e profondissima quiete in quella parte della città isolata dal nondo ed altissimi grattaceli nello sfondo,  io nel pensier mi fingo i tempi quando fu costruita ; ove per poco il cor non si spaura. E' ora di partire con le foto.

Cliccate   qui e partirà lo slideshow, che se volete adattate a pagina intera, con le foto anche della famosa tassista. Finito il tour dello slide show, vi rimando ad un altro articolo specifico per spiegarvi l'inizio del tutto.Tientsin

 

 

 

 

 

Joomla templates by a4joomla