Come per normativa europea per proseguire su questo sito dovete accettare i cookies

cliccando il bottone ambra "Accetto" In caso di non accettazione dichiariamo quanto segue :

Ma che ce frega ma che ce 'mporta de 'sti cookies che nun volemo e  ser visitatore  ar quadro d'accetto  c’ha messo none: e noi je dimo e noi je famo c'avete messo none  ma tu nun ce paghi ed è tutto argratis e quindi.... . Ma però noi der sito  semo quelli che v'arrisponnemmo 'n coro: e' mejo riflessioniromane de tutta  questa zozza società commerciale de internet. Per artre informazioni rivorgeteve ar sor Google.

As per EU rules you have to accept our cookies ( they are automatic and we do not use them )to surf this site clicking the amber button " I accept". As we could not care less about this cookies imposed by the system, in case you do not agree, please send us an email with the song you want to listen to whilst you fly away and disappear into the mist of no Roman knowledge. In case this statement is not clear , Dr. Google can explain you the whole matter. Fare thee well

 Prima di tutto su questo articolo e gli album che seguiranno, un poco di sottofondo ci starà bene, accendetelo se volete, dura circa 9 minuti, se non lo spengete prima. Consiglio: regolate il volume da sottofondo.

 

o se ne volete uno di piano, senza l'acquache scorre, lungo circa 90 minuti

 

 Se si passano in rassegna le foto e gli acquarelli della Roma scomparsa, intercalandoli ogni tanto con foto di  come sia la città oggi, viene una certa nostalgia, per ciò che è irrimediabilmente scomparso.

Questo ci colpisce ancora di più, nel caso del porto di Ripetta che, cito , :

 Nel XIV secolo, nell'area antistante alla chiesa di San Rocco all'Augusteo esisteva un piccolo porto rudimentale utilizzato per lo scarico di legname, carbone e vino. Solamente all'inizio del Settecento papa Clemente XI approvò il progetto per la realizzazione di un nuovo porto dall'aspetto monumentale, dotato di banchine, scalinate e piazzali. Il disegno fu affidato all'architetto Alessandro Specchi, che si avvalse della collaborazione di Carlo Fontana. L'opera, per la cui costruzione furono impiegati materiali di spoglio provenienti dal Colosseo, fu inaugurata il 16 agosto 1704.

 La costruzione, significativo esempio di architettura tardobarocca, era caratterizzata da due ampie scalinate curve, che collegavano le banchine al livello del piano stradale; al centro si apriva un emiciclo, dove era collocata una fontana per abbeverare gli animali da soma impiegati nel trasporto delle mercanzie. Ai lati dell'emiciclo si innalzavano due colonne, le quali furono utilizzate per indicare il livello raggiunto dalle alluvioni del Tevere.

Nel tempo l porto subì un rapido degrado ( forse quando spostarono il ponte Cavour? Perche doveva degradare?? Lo hanno detto i piemontesi?  Le foto non mostrano alcun degrado ) e, dopo l'annessione di Roma al Regno d'Italia, fu decretata la sua demolizione per permettere la costruzione dei muraglioni lungo il Tevere.

E su questo si apre tutto il mio risentimento ( che è sempre al singolare ) , spiegato maggiormente nell'articolo Le invasioni barbariche dei piemontesi: i muraglioni sul Tevere. In ogni modo tiriamo avanti a mostrare la Roma scomparsa, qui e là comparata a quella odierna.

Prima di inserire gli album di foto, darò di seguito qualche consiglio su come vedere al meglio l'album, di tali foto. Cliccando sugli album in bianco che seguono, vi si aprirà  l'album di Flickr. Se cliccate sulla immagine in alto a sinistra, si apre l'album con le singole  immagini  da scorrere. Cliccandoci ulteriormente sopra, va  in slideshow. ESC per fermare lo show.

 Cliccate di seguito uno dei  due seguenti album:

 Il Porto di Ripetta

 Roma ed il Tevere 

Intorno alla Piramide ( contenuta anche in Roma ed il Tevere )

 

 

Joomla templates by a4joomla